user_mobilelogo

LA QUINTA SERATA 

10.3.18 Hippy e la rivoluzione psichedelica

Aquarius

La rivoluzione:

La Beat Generation, gli hippies, il jazz, il rock, gli happenings, le droghe, la rivoluzione sessuale, le comuni, la California, l’Oriente, le manifestazioni contro la guerra in Vietnam. Il termine 'hippy' deriva da 'hipster', all'inizio usato per indicare i cosiddetti 'beatnik' che si erano trasferiti nel distretto di Haight-Ashbury quello che poi sarebbe diventato il centro del movimento. Non a caso gli hippy si nutrirono della sottocultura della Beat Generation dando vita ad una controcultura all'insegna del rock psichedelico abbracciando inoltre la rivoluzione sessuale, e nel tentativo di esplorare lo stato di coscienza si davano a stupefacenti come allucinogeni e cannabis. L'estate dell'amore ebbe inizio ufficialmente dal 16 al 18 giugno del 1967 al Monterey Pop Festival, che chiamo' a raccolta ben 200mila persone e fu considerato il precursore del festival di Woodstock, svoltosi nello stato di New York due anni più tardi. Ma la repulsione contro le istituzioni, la classe media, le armi nucleari e la guerra del Vietnam non rimase limitata ai confini degli Stati Uniti. Ben presto la rivoluzione si diffuse a macchia d'olio in tutto il globo, creando versioni locali del movimento in ogni nazione.

Lo spettacolo:

Aquarius la rivoluzione hippy: a 50 anni dal '68 e dai grandi raduni musicali, il Cavern Club "raduna" cantanti e musicisti filo-cavernicoli per rivivere l'epoca e i sogni dei figli dei fiori attraverso il ricordo di Woodstock,  San Francisco,  l'isola di Wight, le grandi opere rock e le grandi contaminazione che toccano anche l'Italia. Una piece di teatro-canzone con una conduttrice d'eccezione ispirata agli anni della cultura hippy, dei figli dei fiori e della psichedelia, che ha caratterizzato fortemente gli anni '60, creando però un filone culturale che ha attraversato i decenni successivi, divenendo New Age negli anni '80-90, Pensiero Positivo ed olistico negli anni 2000. Musicalmente, questa cultura ha ispirato cantanti, film, teatro, movimenti, in Italia, oltremanica ed oltreoceano.   

In scena:

Maria Rosa Vuono, Antonio Lopez, Anna Rita Sica, Franco Parisi, Anna Lorena Romano, William Ferraro, Vania Gatto, Pino Napolitano, Elviranna Aceto, Matteo De Bonis, Rosanna Vivacqua, Marcella Belcastro, e la straordinaria partecipazione di Velia Ricciardi.

 

Musicisti:

Alessandro De Bonis  tastiere,

Ivan Volpintesta  chitarra,

Gianpaolo Noce batteria.

 

Ballerine:

Maria Francesca Godino, Nadia Mele, Celeste Malagrino',

 

Coreografie:

Francesca Marchese

 

Testi: 

Francesca Florio

  

In sala mostre performance di Calì la Ribelle

 

Il libro:

“Hippy” di Barry Miles

La frasi:

“Free love, Free Dope, Free Music”  Jefferson Airplane

“Turn on, tune in, drop out”  Timothy Leary

Il film:

”Hair” di Milos Forman (1979)

 Le immagini:

Il dress code:

Partecipazione nel rispetto del dress code gradita. Come vestirsi come un hippie